e-commerce

Ultimi consigli SEO per l’e-commerce

In questa ultima parte sui consigli per l’e-commerce, vediamo come possiamo sfruttare blog, newsletter, social networks etc. per ottimizzare il nostro sito di e-commerce a livello SEO.

1) Blog

Ogni azienda dovrebbe tenere un blog per aumentare la visibilità nei risultati della SERP, scrivendo articoli o suggerimenti sui propri prodotti e servizi per coinvolgere e far partecipare attivamente gli utenti. Il principale vantaggio è la possibilità di utilizzare le parole chiave strategiche funzionali all’incremento della qualità del traffico verso il sito web. E’ importante anche chiedere il permesso ad un blogger del settore di scrivere articoli sul suo blog, per poter inserire link che puntano al sito dell’azienda. Solitamente accetta perché in questo modo può ottenere nuovi contenuti gratis.

2) Comunicati stampa

I comunicati stampa forniscono un’ottima opportunità per farsi conoscere. Se l’azienda ha aperto un blog, se ha messo in commercio un nuovo prodotto o se si distingue dalla concorrenza per un servizio specifico, può garantirsi visibilità attraverso il comunicato stampa. Esistono dei siti (ad esempio comunicati-stampa.net ) che permettono di inserire dei link che puntano al vostro sito (i famosi backlink) migliorando di fatto la SEO.

3) Facebook

La pagina Facebook dell’azienda, oltre a fare brand può migliorare la SEO dell’e-commerce se curata e aggiornata frequentemente. L’obiettivo fondamentale è coinvolgere e far partecipare attivamente gli utenti e per farlo occorre pubblicare come minimo 3 post a settimana.

4) Youtube

In quanto a ricerche effettuate, Youtube è secondo solo a Google. Capite quindi l’importanza di essere presenti in questo portale. Per farlo al meglio, si possono creare dei brevi video dei vostri prodotti, associarli con le parole chiave che desiderate e poi collegarli alla pagina del sito web. I contenuti video sono un ottimo modo per ottimizzare la SEO anche perché non dimentichiamoci che Youtube appartiene a Google.

5) Google+

Il social network di casa Google raggruppa tantissime persone per categorie di interessi, che si possono trasformare quindi in vostri potenziali clienti. Al di là di questo, sappiate che a livello SEO Google premia chi utilizza la sua piattaforma social, quindi è caldamente consigliata l’iscrizione.

6) Pinterest

Pinterest è dedicato alle immagini, pertanto i prodotti di un e-commerce si prestano molto bene a questo social network. Una bella foto, può generare tantissimo traffico ma per attirare sempre più followers, oltre ai vostri articoli, si possono pubblicare anche altre belle immagini dello stesso settore.

7) Newsletter e social media

Per evitare che la newsletter finisca nello spam, esistono alcuni servizi (come Mailchimp) che creano dei post sui vari social networks con il link diretto alla newsletter stessa. Questo permette anche di contare sulla qualità del contatto a cui viene spedita la mail e di segmentare efficacemente gli utenti.

8) Recensioni

Spesso non sono viste di buon occhio, perché si temono quelle negative. Al di là del fatto che in questi casi possono essere moderate o alla peggio cancellate (ma è bene farlo solo in casi specifici), le recensioni sono importanti perché creano contenuti unici all’interno del sito, che Google valuta positivamente a livello SEO. I clienti che scrivono la propria opinione, oltre ad usare le parole chiave, permettono all’azienda di ottenere credibilità agli occhi degli altri utenti.

I suggerimenti per la SEO di cui abbiamo parlato in questi 3 articoli formano la miglior base di partenza perché il vostro sito di e-commerce possa partire col piede giusto.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *