Real Time Marketing: di cosa si tratta.

Tutto ciò che bisogna sapere sul marketing attuato in tempo reale e i consigli per sfruttarlo

Entrato in scena da poco tempo, è il real time marketing che si sta imponendo in modo sempre più corposo nelle campagne pubblicitarie. Il real time marketing, o marketing diretto, è un approccio al mercato che fa leva sulla capacità aziendale di rispondere velocemente ad eventi e stimoli esterni, al fine di migliorare la predisposizione verso la marca e potenziare gli altri strumenti di comunicazioni usati grazie al trend del momento.

Un termine ombrello che comprende tutte le operazioni tematiche sui social che giocano con un argomento caldo e di attualità. Tutto ciò che è diventato virale e può essere sfruttato dai brand per inserirsi nel flusso di conversazioni più attuali. Questo può riguardare eventi periodici come la notte degli Oscar oppure eventi straordinari come il successo e il discussissimo termine ‘’Petaloso’’.

Le idee trapelano e alcuni contenuti possono diventare virali, a volte inaspettatamente. Solo le aziende che riescono a comprendere l’opportunità di ciò e sviluppare pubblicità in base al feedback del pubblico globale possono farsi strada nel mercato.

Dunque, pragmaticamente, nel real time marketing, rientrano tutte le strategie che, invece di basarsi su un piano stilato in anticipo, usano dati attuali, messi a disposizione soprattutto dalla rete, per dar vita ad azioni focalizzate ai trend più recenti.

Vi elenchiamo di seguito le varie tipologie di marketing diretto:

  • Eventi del brand. I post sui social network si riferiscono ad eventi organizzati dall’azienda stessa, che vengono messi in mostra in tempo reale. (esempio: una conferenza su una tematica precisa, una nuova gamma di prodotti, etc)
  • Eventi pianificati. Il real time marketing può di fatto essere programmato. Per quali occasioni? Per esempio per eventi di livello mondiale, spettacoli organizzati, film in uscita, etc.
  • Fatti locali. Mirati ad una fetta di pubblico di una zona precisa che condivida eventi avvenuti in quel territorio.
  • Interazione con gli utenti. Post che riprendono commenti memorabili, fatti avvenuti sulla piattaforma difficili da dimenticare. Citando all’interno di una community, si può aumentare il senso di appartenenza del gruppo stesso.
  • Breaking news. E’ la tipologia per eccellenza del real time marketing. Si tratta di commentare in modo efficace un evento che porta dietro di sé un’ondata di interesse incredibile, e quindi sfrutta una situazione per porre la propria attività sotto i riflettori.

Creare una campagna pubblicitaria attraverso il real time marketing permette di sfruttare occasioni imperdibili. E’ anche, però, molto difficile sapersi muovere con prontezza ed evitare di sfociare in gaffe. 

Ecco, quindi, cinque consigli che dovete seguire se volete entrare nel marketing diretto:

  • E’ necessario rimanere informati. E’ ovvio che per poter sfruttare un evento è essenziale sapere della sua esistenza. Conoscere le notizie in tempo reale è sicuramente il miglior modo per poter intervenire subito. Ovviamente non bisogna informarsi solo sugli avvenimenti programmatati o quelli riferiti nei telegiornali. I trend sul web sono tra quelli che riescono a dare un responso più positivo e possono essere sfruttati con un target ancora più mirato.
  • Cosa buona è non copiare altri brand. Ovviamente, se si scatena un caso mediatico, tutte le aziende punteranno a creare post e campagne su quel determinato evento. Cercate di non focalizzarvi su qualcosa di abnorme, ma includere post più naturali, magari riguardo alla ‘’giornata internazionale’’ attuale o ciò in cui il tuo target può essere interessato.
  • Essere veloci e flessibili sono le due caratteristiche principali per far funzionare la vostra campagna. E’ impensabile pubblicare qualcosa inerente a qualcosa avvenuto un mese prima. Viene dimenticato e non suscita più l’effetto massiccio che si spera di ottenere. Proprio perché stiamo parlando di marketing in diretta è necessario che tutto ciò a cui si fa riferimento sia avvenuto (quasi) in tempo reale.
  • Fare attenzione agli avvenimenti negativi. Esistono varie campagne pubblicitarie che hanno fallito miseramente a causa di ironia o sfruttamento di avvenimenti non tanto piacevoli. Quello che può essere un disastro naturale, un attentato, non viene ben visto se usato meramente per far parlare di sé. Se però un evento negativo di entità minore, come strade sporche o distruzione di opere d’arte, viene sfruttato dalle aziende per mandare un messaggio socialmente positivo, sensibilizzando su un tema, allora l’effetto è totalmente favorevole. Prestare attenzione alla propria immagine è quindi uno dei punti più importanti. Rimanere onesti, giusti e mentalmente aperti fa sicuramente salire di livello ogni azione che si attua.
  • Conoscere il target e puntare sul canale migliore. Non è detto che l’unico mezzo per diffondere una campagna in real time sia il web. Ovviamente è fruttuoso. Ma se fatta bene, anche su un giornale o un cartellone può spopolare. Avere coscienza del proprio pubblico di riferimento è fondamentale per sapere su quale via può funzionare.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *