e-commerce

La SEO per l’e-commerce

Normalmente chi gestisce un sito di e-commerce non si preoccupa della SEO per posizionare al meglio il sito, ma così facendo difficilmente otterrà una buona visibilità e di conseguenza anche le vendite saranno penalizzate.

Per ottenere traffico organico (quindi non a pagamento), è bene seguire alcuni consigli che di sicuro risulteranno utili in questi casi.

1) Non fare impazzire l’utente

Un cliente arriva nella home page per poi cercare i prodotti in vendita, ma non vuole fare troppi click per raggiungere la scheda del prodotto stesso. Una struttura ben organizzata fa in modo che ogni articolo sia al massimo a 3 click di distanza dalla pagina principale.

2) Riscrivere l’url

Se la piattaforma e-commerce che utilizzate vi fornisce un url di default, riscrivetelo con le parole chiave che vi interessano. Questo elemento deve far capire chi siete e cosa fate sia agli utenti sia ai motori di ricerca.

3) Curate il tag title

Il tag title è fondamentale perché mostra il titolo della vostra pagina sia nei risultati di ricerca sia in alto nel browser quando si apre la pagina web. Ogni pagina deve avere un suo titolo e contenere le keywords specifiche che fanno capire il contenuto al suo interno.

4) Rel=canonical per evitare penalizzazioni

Se nel vostro sito si possono ordinare i prodotti per caratteristiche quali prezzo, dimensioni o nome alfabetico, e le pagine hanno un url sempre diverso quando viene scelta un’opzione piuttosto che un’altra, Google le considera come pagine diverse con contenuti uguali e per questo vi può penalizzare. Per evitarlo, basta inserire il comando rel=canonical e il link alla pagina che voi considerate principale in tutte le altre pagine “secondarie”.

5) Scegli CMS di qualità

Il CMS (content management system) è un sistema per la gestione dei contenuti. E’ necessario utilizzarne uno di qualità (fatevi consigliare su quale sia il migliore per voi). Ne esistono tanti, da WordPress, a Magento da Joomla a Prestashop. Le caratteristiche principali sono la rapidità e la facilità di inserimento dei prodotti.

6) Google Adwords Keyword tool vi dà una mano

Questo strumento gratuito offerto da Google vi aiuta a capire quali sono le parole chiave migliori e più competitive del vostro settore.

7) Crea collegamenti interni

E’ buona norma linkare una parola chiave di un prodotto verso un altro prodotto simile. E’ infatti risaputo che Google ama questa pratica di cross-linking allo stesso sito.

8) Usa link descrittivi

Invece del solito link “clicca qui”, scrivete link con piccole frasi o parole intuitive (ad esempio “qui puoi vedere le TV a schermo piatto”). Gli utenti avranno più voglia di cliccarci e anche i motori di ricerca lo preferiscono (perché più “naturale” a livello linguistico).

E non è finita qui. Nel prossimo articolo, vedremo altri suggerimenti interessanti per migliorare il vostro sito di e-commerce!

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *