Anche i gruppi di Facebook possono essere un’ottima risorsa per fare marketing e mantenere delle relazioni con i propri clienti. Partendo da quelli più affezionati che credono fermamente in ciò che fate, si crea la possibilità di un passaparola strategico. Ma dovete anche dare loro qualche cosa in cambio: niente di eccezionale, a volte basta un “mi piace” su un post o se proprio volete esagerare un piccolo gadget in regalo.

Questo modo di procedere è importante perché se il cliente si sente coccolato quando fa qualcosa per voi, capisce di avere un valore e sarà sempre più propenso a continuare a farlo. E in effetti, le persone fedeli all’azienda hanno un enorme valore: sentendosi degli esperti, influenzano nuovi possibili consumatori all’acquisto dei prodotti, possono rispondere alle domande dei clienti (e di norma le persone si fidano di più della parola di un membro del gruppo piuttosto che della voce ufficiale aziendale), aiutano a capire se il nuovo prodotto che sta per essere messo in commercio può avere successo e condividono nella pagina Facebook tutte le notizie positive che riguardano il brand.

Come sapete il social network offre la possibilità di selezionare il target al quale ci si può rivolgere. Saper riconoscere la propria clientela è un obiettivo primario per chi fa marketing, per questo si potrà rendere necessario creare più gruppi per venire incontro alle necessità di tutti i clienti. Se solo una parte dei componenti del gruppo si ritiene abbastanza esperto da poter rispondere alle domande, è meglio creare un altro gruppo dedicato appositamente alle persone che si occuperanno di questo aspetto.

Per far crescere sempre più la community, dobbiamo fornire ai nuovi clienti tutte le indicazioni necessarie affinché vengano a conoscenza dell’esistenza del gruppo. Utilizziamo la sezione “informazioni” per spiegare come funziona ed evidenziamone i vantaggi, ad esempio aiutarsi per un particolare problema o scambiarsi opinioni ed idee. Inviamo una mail con il link per iscriversi e ripetiamo l’operazione con chi non l’ha ancora fatto.

Naturalmente l’azienda che cura nei minimi dettagli la gestione del gruppo, riuscirà a migliorare costantemente la community e a far sì che sia sempre un punto di riferimento per la clientela. E per farlo deve essere presente rispondendo il più velocemente possibile a domande, commenti o critiche, deve dare consigli sull’utilizzo del prodotto oppure offrire uno sconto su di esso che magari non è previsto nel sito o nella pagina ufficiale di Facebook.

Nel momento in cui il cliente si sente importante e si sente di far parte di un circolo privilegiato, l’azienda avrà raggiunto il suo obiettivo.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *