Come far crescere i follow su Instagram?

Ecco alcuni passaggi che devi assolutamente conoscere per il vostro account.

I numeri, per chi ha un account, personale o aziendale, sono sicuramente un passaggio fondamentale per diventare un punto di riferimento ottimale per la promozione. Per i soggetti che vogliono diventare degli influencer o per le aziende che hanno bisogno di un’area sempre più vasta di possibili clienti e vogliono vendere il proprio brand: il numero di seguaci su Instagram resta il modo più semplice per farsi notare.

Ecco tutti i consigli per creare una community partecipativa, che vi permetta di sviluppare un account di qualità:

  • Innanzitutto, tra le prime cose, è necessario avere un account aziendale pubblico. Che il vostro profilo utente sia personale o di una impresa, è indicato selezionare l’account ‘’lavorativo’’, il quale si può impostare tramite la piattaforma. Esso vi fornisce strumenti utilissimi per sviluppare tutti i punti necessari per farvi conoscere. Nel momento in cui avrete cambiato assetto, avrete la possibilità di usare Instagram Insights. Nelle opzioni del vostro Instagram vi apparirà la sezione dei Dati Statistici, dove automaticamente conoscerete le interazioni, il numero di visite al profilo, il numero di account raggiunti, la copertura, le impressioni. Potrete avere uno spaccato sul target, i momenti della giornata e della settimana migliori per interagire. Questo passaggio è essenziale, soprattutto se usato costantemente.
  • E’ necessario espandere il proprio pubblico. Se condividi i post di Instagram su altri social network, come per esempio Facebook o Twitter, i contenuti arriveranno a una audience più vasta. Basta associare i vari social nelle opzioni di condivisione e automaticamente le immagini dell’account Instagram saranno automaticamente condivise.
  • Basilare essere un utente attivo. La community con cui si vorrebbe entrare in contatto non la si vuole sicuramente piatta e assente. Quindi voi stessi dovrete essere persone che interagiscono. Tramite i like, meglio se inerenti a cose che voi stessi trattate, tramite i commenti, apprezzati più di ogni cosa perché vengono imputati come migliore feedback. Cercate di essere quotidianamente disponibile a mostrarvi dinamici ed energici. Una comunità non è mai a senso univoco. 
  • I bei post sono essenziali. Le immagini dicono tutto, anche se può apparire banale. Le foto devono essere qualitativamente belle, originali e distintive. Le foto con alcune caratteristiche (colori, contenuto, etc) sono più performative di altre. Alcuni esempi? Le immagini più luminose generano il 24% in più di like, le immagini con il blu come colore dominante ottengono la stessa percentuale di like. Le immagini con bassa saturazione generano il 185 più di like dei colori troppo accesi, e le immagini che hanno un singolo colore dominante ottengono 17% di like in più.
  • Inserire sempre la località nei post. Sia per ricordarlo all’utente, sia per agevolare la community a reperirti quando possibile.
  • La didascalia è importante. Instagram permette di scrivere fino a 2.200 caratteri. E no, non è assolutamente necessario che si usino tutti. Instagram mostra solo le prime 3 righe di ogni post, che poi, se cliccato, permette di proseguire nella lettura. Quindi sono proprie le prime tre righe a determinare la potenzialità del post. E’ indispensabile quindi attirare l’attenzione e stimolare il lettore a continuare.
  • Un metodo efficace è inserire gli hashtags alla fine di ogni post. Il social permette di introdurne massimo 30 per immagine, quindi devono essere scelti con cura. L’obiettivo è entrare nella popular page. Da una parte si otterrà visibilità. Dall’altra l’algoritmo di instagram capirà che il contenuto postato è di qualità. Ovviamente più gli hashtag sono famosi, più sarà difficile renderli popolari, ma saranno sicuramente visti da più persone. Quello che vi consigliamo è di proporzionarli a gruppi da dieci tra grandi, medi e piccoli hashtag (in base alla loro popolarità), in modo da estendersi su più piani. Ricordate di inserire hashtag che rappresentino in qualche modo la foto postata, o si instaurerà un senso di sfiducia degli utenti che vi seguono. (vedi articolo)
  • Sfruttate le stories al meglio. Se i post in genere si aggirano tra l’1 e i 3 al giorno, le storie dovrebbero essere pubblicate tra le 5 alle 10 al giorno, in momenti diversi della giornata, per rendere partecipi di quello che sta succedendo in diretta, alimentando il senso di realtà e partecipazione.
  • Mostrare il lato umano. Siate naturali, spontanei. Le persone ricercano autenticità. Risultare freddi e distaccati può dare senso sì, di professionalità, ma può risultare anche come un atteggiamento di superiorità. Essere alla portata del vostro target significa anche immedesimarsi e creare una relazione umana con gli utenti, e questo non comporta assolutamente la non-professionalità.
  • La costanza e la pazienza sono due degli aspetti necessari per avere un buon account. Niente arriva all’improvviso. Bisogna ricordarsi che impegnarsi richiede fatica e tempo. Ma i frutti poi matureranno senza che ve ne rendiate conto.

Infine si consiglia di non comprare assolutamente mai followers sui social. La maggior parte sono profili inattivi creati dai bot appositamente, oppure sono utenti che non hanno nessun interesse nel seguirvi, e dunque non apporteranno nessun contributo alla community. Non permetterà mai di portare un post in tendenza, né i veri account che vi seguono ameranno la compra-vendita che state attuando, che sicuramente non rimarrà inosservata. 

Potete però sponsorizzare i vostri post tramite Instagram(vedi articolo). Quello sicuramente è un ottimo hack per farsi notare!

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *