Come comportamento adottare sui social?

Atteggiamenti da scegliere per vivere al meglio i social network.

Viviamo in un’epoca in cui siamo totalmente sommersi dai social network. Il fine vero e proprio spesso ci sfugge, ci si avvicina al mondo del web senza avere aspettative, attuando un atteggiamento euforico e spesso accompagnato da una velata inesperienza, che ci porta a volte a buttarci senza pensare, inconsapevolmente ad attuare un comportamento sbagliato, che però arriva inevitabilmente all’altro. Ricordiamoci che dietro lo schermo c’è sempre almeno un’altra persona.

Realizzare azioni inadeguate può avere effetti negativi a lungo termine. Così come nella vita di tutti i giorni siamo soliti seguire delle regole non scritte di buon comportamento, nello stesso modo dovremmo attuarne alcune anche in rete. Norme e strategie che possono mantenere il proprio profilo sulla cresta dell’onda, rendendo l’utente piacevole all’esterno, senza però andare a mutare totalmente i valori etici di rispetto, uguaglianza e onestà.

  • Un buon modo per relazionarsi agli altri è utilizzare a nostro favore le emozioni. Queste, infatti, risultano contagiose. Più si condividono sentimenti positivi, tramite post e video, più la percezione varerà verso un atteggiamento positivo nei nostri riguardi.
  • Creare un senso di appartenenza con le persone con cui si ha un rapporto è sicuramente una delle basi per instaurare ottimi rapporti e diffondere positività. Tramite le interazioni personali, si potenza il legame con la community di riferimento.
  • La familiarità è sicuramente uno dei fondamenti per essere apprezzato. Nonostante ciò dipende solo dal nostro grado di impegno che dedichiamo all’interno dei social. Rimanendo attivi e costanti, si ha la possibilità di apparire stabili e onesti.
  • La gentilezza è uno degli aspetti fondamentali per vivere al meglio l’esperienza in rete. Non urtare la sensibilità altrui è sicuramente una delle risorse più potenti e incredibili di cui disponiamo. I propri gusti personali possono essere espressi senza aggressività, i pensieri possono essere introdotti da una premessa che sottolinea la propria visione personale.
  • Mai essere ‘’cattivi’’ sui social. I leoni da tastiera, prima o poi, vengono scoperti. Essere pronti ad accusare ogni soggetto, in genere quello più ‘’facile’’ da attaccare, è vile e inutile. Se non apprezzate qualcosa, andate oltre. Se volete lasciare critiche costruttive, colorite da modi educati, ben venga. Ma non valutare nemmeno l’opzione di essere scortesi, maleducati. Il cyberbullismo non è una parte dell’internet così nascosta e lontana da tutti noi.
  • Rispettare in modo egualitario gli altri. Non è corretto, né etico, né giusto, alimentare odio verso minoranze sociali. I social stessi bloccano fenomeni di razzismo, sessismo, omofobia, etc. Al contrario, sostenere pensieri positivi, utilizzare toni cordiali per mandare messaggi di uguaglianza è sicuramente un modo per creare un web più educato e paritario.
  • Le persone sono egocentriche sui social. Un modo per interagire con armonia con gli utenti, è non chiudersi nel proprio profilo, bensì cercare un riscontro, parlare di altri (positivamente), mantenere vivi interessi in comune che possa entusiasmarli.
  • Il dare per avere non funziona solo nella realtà o nel web marketing. Infatti, se le persone attuano uno scambio di interazioni si sentiranno gratificati e quasi premiati per l’impegno. Quando invece la reciprocità si perde e la connessione diventa unilaterale, allora si ha un certo atteggiamento di distacco, fino a portare alla vera e propria opzione di allentamento (virtuale).
  • Il riconoscimento di un errore è sicuramente, se affrontato nella maniera giusta, il miglior modo per farsi valere e conoscere. Se ciò che si è condiviso o postato offende in qualche modo una comunità o una linea di pensiero, delle sentite scuse e la rimozione di tale contenuto possono dimostrare la propria buona fede.
  • Più si gestisce un profilo pubblico o aziendale, più il risultato deve sembrare professionale, privo di commenti troppo personali, ideologie troppo forti. Il rimanere neutri non è una opzione, ma nemmeno essere polemici o aggressivi. Si possono esprimere sostegno o sdegno in confronto di elementi di attualità o meno senza mettersi in prima linea, irati. Con la giusta retorica si possono mandare forti messaggi, purché questi si battano per sentimenti etici e di giustizia. 

Infine è importante ricordarsi di pensare prima di attuare qualsiasi azione sui social. Le conseguenze possono diventare enormi da sostenere, i post possono diventare virali e se ne può perderne il controllo. Tutto ciò che viene messo sul web rimane sul web. Quindi prendersi anche solo dieci secondi per pensare a delle possibili conseguenze è un ottimo modo per evitare di danneggiare qualcuno e fare in modo, invece, che si crei un’ottimo ambiente virtuale, sano ed equilibrato.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *